Home page » Attività » Mostre ed esposizioni » Libri sotto le bombe - La biblioteca di Antonio Favaro » Dalle bombe alla pace

Dalle bombe alla pace

I continui bombardamenti sull’Italia centro-settentrionale non risparmiarono i due luoghi legati ad Antonio Favaro. La Domus venne colpita due volte, nell’ottobre ’42 e nel giugno dell’anno successivo. Villa Favaro non fu colpita direttamente, ma le bombe devastarono il territorio circostante.

La ricostruzione e ricostituzione degli Istituti culturali avvenne, in modo massiccio, a partire dal 1947.

  • S. Timpanaro a Varetti, 7 ottobre 1943. Sui danni del primo bombardamento della Domus Galilaeana (Archivio storico della Domus Galilaeana
  • F. Scalessa a G. Gentile, 23 ottobre 1943. Sui danni del primo bombardamento della Domus Galilaeana (Archivio storico della Domus Galilaeana)
  • S. Timpanaro al Direttore Generale delle Accademie e Biblioteche, 20 ottobre 1944. Sui danni del secondo bombardamento della Domus Galilaeana. La lettera è alla Direzione Generale poiché il Presidente, Giovanni Gentile, era stato assassinato il 16 aprile '44. (Archivio storico della Domus Galilaeana)
  • Il Palazzo Agonigi, adiacente alla Domus come appariva nei primi anni ’50. La Domus era appena stata restaurata. (Famiglia Agonigi)
  • G. Favaro a S. Timpanaro, 27 marzo 1944. Sui bombardamenti intorno a Villa Favaro (Archivio storico della Domus Galilaeana)
  • Ministero della Pubblica Istruzione, 2 gennaio 1947. Si quantificano i danni per dare inizio alla ricostruzione (Archivio storico della Domus Galilaeana)