Home page » La Domus » Cosa contiene la Domus

Cosa contiene la Domus

Nel corso della sua storia la Fondazione Domus Galilaeana ha conservato varie strumentazioni scientifiche.

Si ricordano gli strumenti di Enrico Fermi, ora a Roma, e le apparecchiature di Antonio Pacinotti, ora al Museo degli Strumenti per il Calcolo di Pisa, tra i quali la "Macchinetta", primo modello di motore dinamo elettrico.

La Domus ha inoltre preservato dalla distruzione la CEP, Calcolatrice Elettronica Pisana, anch'essa confluita nelle collezioni del Museo degli Strumenti per il Calcolo.

La strumentazione attualmente presente alla Domus è strettamente legata ai fondi archivistici presenti. Sono conservate le "Sorgenti" per gli esperimenti sulla radioattività indotta di Enrico Fermi, la strumentazione fotografica dell'astronomo Pio Emanuelli e alcune macchine provenienti dall'Istituto di Fisica Tecnica dell'Università di Pisa.

In particolare l'istituzione raccoglie sin dalla sua fondazione tutte le pubblicazioni antiche e moderne su Galileo e coordina gli studi di storia della scienza, grazie a un fornitissimo archivio e ad un'importante biblioteca specializzata.

La collezione della Biblioteca è stata incrementata nella sezione astronomica dai volumi e manoscritti lasciati da Emanuelli, dalla raccolta epistolare di Giovanni Virgilio Schiaparelli e dalla documentazione relativa alla ricerca di Fermi, particolarmente preziosi. Un'altra acquisizione importante è quella dei quaderni di appunti di Ettore Majorana.

Presso la Biblioteca sono presenti inoltre due missive di Galileo, delle quali una originale, che tratta la legge della caduta dei gravi.

La Domus ha attivato anche un lavoro editoriale scientifico e una serie di attività didattiche relative alla storia della scienza.

La Domus possiede inoltre un busto del Re ed un busto del Duce, modellati da Michele Guerrini.